Museo preistorico

Il Museo Preistorico

Il colle di Pofi e le presenze umane

La morfologia del territorio del Comune di Pofi è  derivata da attività vulcanica sviluppatasi nel Pleistocene medio, datata (Potassio-Argon) tra 430.000 e 110.000 anni. Si è trattato di un apparato vulcanico di una certa importanza nell'ambito del vulcanismo della Valle Latina (Vulcanismo Ernico). Nella morfologia del paesaggio circostante l'abitato di Pofi sono riconoscibili alcuni crateri e centri eruttivi, allineati in direzione SE-NW,  che possono rappresentare luoghi di osservazione e di didattica nell'ambito di un percorso geologico parallelo a quello storico-naturalistico.
L'affioramento di depositi piroclastici e l'alterazione degli stessi in epoche successive all'esaurimento dell'attività vulcanica ha contribuito alla estensione di una copertura di terreni di particolare fertilità che hanno rappresentato una importante risorsa agricola nelle varie epoche.

Ai margini dell'apparato vulcanico l'erosione attuale e lavori per scopi industriali hanno favorito l'affioramento di formazioni che contengono resti di faune fossili ed eccezionalmente resti umani a Cava Pompi  (Homo heidelbergensis) , datati tra 400.000 e  300.000 anni, esposti nel Museo Preistorico insieme a resti di faune con elefante e rinoceronte.
Testimonianze sulla presenza dell'uomo di Neandertal, rappresentate da centinaia di manufatti sono state rinvenute in varie contrade del comune con una particolare concentrazione nei terreni della contrada Mola Sterbini. In questa stessa area sono stati rinvenuti manufatti  che testimoniano una lunga frequentazione dal Paleolitico superiore fino all'età dei metalli.
In epoca romana il territorio è stato interessato da di insediamenti di varia importanza dei quali rimangono evidenti tracce quali tratti di strade con basoli in lava, ponti (Ponte delle pietre), cisterne, aree con murature e pavimenti a mosaico forse riferibili a ville ed aree con probabile santuario indicato dalla presenza di materiale votivo (S. Benedetto) .

In epoca medievale il territorio ha avuto particolare importanza per la posizione del colle di Pofi sulle valli del Sacco e del Liri in posizione strategica, con Castro dei Volsci e Arnara, per il controllo di una delle più importanti vie naturali verso la zona costiera (passo di Castro Dei Volsci).

Un' importante via di antico percorso, già attiva in epoca romana, testimoniata in seguito anche dalla presenza di chiese, era rappresentata dalla direttrice Mola Sterbini, Ponte delle Pietre, S. Benedetto, Casale Gori, Casale Leonardo con le varianti Colle Marte-Annunziata-S.Antonino oppure Casale Leonardo-versante e di Colle Marte con suggestiva strada in area verde e alberata che segue il bordo del cratere di Colle Marte -Casa Persichilli-attuale area del cimitero, S. Antonino.
Il Centro Storico si sviluppa nella parte più alta dell'apparato vulcanico (m 285). L'utilizzazione del basalto come materia prima predominante nella costruzione dei fabbricati del centro medievale e rinascimentale ha conferito alla rocca un particolare aspetto derivato dal colore cupo della roccia impiegata. Dai punti di belvedere è possibile osservare amplissime zone di paesaggio sulle valli del Sacco e del Liri. E' possibile anche osservare l'antica morfologia dell'apparato vulcanico (cratere di Fraginale, e cratere di Santa Croce).

Un'area di particolare interesse è quella relativa alla presenza della torre circolare di antica “Mola a vento” che si trova in posizione decentrata ma che potrebbe rientrare, con opportuna sistemazione didattica, nell'ambito di un percorso alternativo.
Nell'ambito del percorso esistono dei punti di particolare interesse oltre che storico, anche naturalistico: si ricorda in questo caso Mola Sterbini, area in cui sono visibili i resti di antiche cave per l'estrazione del basalto e naturalmente i resti dell' antico molino. In questo punto il Fosso Meringo erode formazioni di lava dell'apparato vulcanico. La flora di questa area è particolarmente interessante per la presenza, tra l'altro, di orchidee spontanee.

Indietro

Piazza municipio 1 03026 Pofi(FR) - Tel. 0775/380013 Fax 0775/381163

comunepofi@pec.it

anagrafecomunepofi@pec.it

Copyright (C) 2017 Comune di Pofi - powered by HelloTel Telecomunicazioni srl